Danni morali quando il medico è responsabile della nascita indesiderata (Cass. Civ., sez. III, Sent. n. 19151/18)

Il Tribunale di primo grado giudicava il medico curante della attrice e la struttura sanitaria in cui esercitava la professione di ginecologo, solidalmente responsabili per il danno morale, biologico e patrimoniale causato dalla nascita, non desiderata, di una bimba affetta da sindrome di Down, dopo che il medico si era rifiutato di svolgere esami eContinua a leggere “Danni morali quando il medico è responsabile della nascita indesiderata (Cass. Civ., sez. III, Sent. n. 19151/18)”

Se vi è malattia pregressa si riduce il quantum risarcitorio (Cass. Civ., sez. III, Sent. n. 20829/18)

La Corte d’Appello accoglieva la domanda proposta nei confronti della A.S.L. di risarcimento dei danni dal minore subiti per omissioni diagnostico-terapeutiche dei medici dell’Ospedale che assistettero al parto cesareo, non essendosi i medesimi accorti tempestivamente che era in atto un distacco di placenta, che aveva provocato la sofferenza fetale alla base della cerebropatia del neonato.Continua a leggere “Se vi è malattia pregressa si riduce il quantum risarcitorio (Cass. Civ., sez. III, Sent. n. 20829/18)”

Responsabilità nell’intervento in equipe per errore del collega (Cass. Pen., sez. IV, sent. 04/09/2018 n° 39733)

Al medico in cooperazione colposa con il primo operatore si contesta, nella sua qualità di secondo operatore, di avere provocato al paziente lesioni gravissime; ciò in quanto nel corso di intervento veniva erroneamente realizzata una asportazione del rene. Il Collegio ha sottolineato che il profilo di colpa che si rinviene nella condotta dell’imputato è qualificabileContinua a leggere “Responsabilità nell’intervento in equipe per errore del collega (Cass. Pen., sez. IV, sent. 04/09/2018 n° 39733)”

Responsabilità colposa del medico che non prescrive esami necessari (Cass. civ., sez. III, ord. n. 30999/18)

La condotta del medico che non ha prescritto accertamenti al paziente con sintomi generici è colposa, secondo la Cassazione, Sez. Terza Civile, Ordinanza del 30/11/2018 n. 30999. Nel caso di specie un padre di famiglia moriva in seguito a un aneurisma cerebrale. La moglie ed i due figli convennero innanzi al Tribunale medici e strutturaContinua a leggere “Responsabilità colposa del medico che non prescrive esami necessari (Cass. civ., sez. III, ord. n. 30999/18)”

Danno per caduta sulle scale della chiesa compete al Comune o alla Diocesi (Cass. civ., Sez. III, Ord. 28 n. 5841/19)

Il danno cagionato da un bene destinato all’attività di culto (la scalinata di una cattedrale) è imputabile all’ente ecclesiastico a cui appartiene, a meno che il danneggiato non dimostri che l’ente territoriale (Comune) goda di una detenzione o di un potere di fatto sulla res. Nel caso di specie, nel primo grado l’attore lamentava laContinua a leggere “Danno per caduta sulle scale della chiesa compete al Comune o alla Diocesi (Cass. civ., Sez. III, Ord. 28 n. 5841/19)”

Tour operator risarcisce il cliente che non parte per malattia (Cass. III Sez. Civ., Sent. n. 18047/18)

La Cassazione III Sezione Civile nella Sentenza n. 18047/2018 prevede il risarcimento per il chi è impossibilitato a partire per un viaggio che aveva già pagato. Nel caso di specie, un cliente dopo aver acquistato un pacchetto turistico da un tour operator non era riuscito ad andare in vacanza a causa di una improvvisa malattia.Continua a leggere “Tour operator risarcisce il cliente che non parte per malattia (Cass. III Sez. Civ., Sent. n. 18047/18)”

Responsabilità medica, il paziente deve provare la causalità (Cass civ, sez. III, Sent. n. 6593/19)

Nella Sentenza del 7/3/2019 n. 6593 la Cassazione si occupa dell’onere probatorio nell’ambito della responsabilità medica, quando si agisce per responsabilità contrattuale ex art. 1218 c.c. Nel caso di specie, eseguita la C.T.U. medico-legale, il Tribunale respingeva le domande attoree, Sentenza poi confermata anche dalla Corte di Appello, secondo cui il decesso non poteva ricondursiContinua a leggere “Responsabilità medica, il paziente deve provare la causalità (Cass civ, sez. III, Sent. n. 6593/19)”

Onere della prova sul conduttore che causa danni all’immobile (Cass civ, sez. III, Ord. n. 6387/18)

Ai sensi dell’art. dall’articolo 1590 c.c., il conduttore deve risarcire i danni all’immobile alla scadenza del rapporto di locazione, dal momento che egli è tenuto a restituirlo nello stesso stato in cui lo ha ricevuto. Grava sul conduttore l’onere di provare l’assenza di proprie responsabilità nella verificazione dei danni all’immobile. Dunque incombe al locatore, cheContinua a leggere “Onere della prova sul conduttore che causa danni all’immobile (Cass civ, sez. III, Ord. n. 6387/18)”

Gode dei diritti condominiali anche il proprietario del posto auto (Cass civ, sez. II, ord. n. 884/18)

Il proprietario del solo posto auto è un condomino a tutti gli effetti e non può essere escluso dall’uso e dal godimento delle parti comuni. Il proprietario del posto auto è tenuto a provvedere a sostenere i relativi costi in ragione dei millesimi posseduti. Tale diritto è confermato dalla Corte di Cassazione, Sez. II Civ.,Continua a leggere “Gode dei diritti condominiali anche il proprietario del posto auto (Cass civ, sez. II, ord. n. 884/18)”

Clausole limitative non trascritte nel regolamento condominiale (Cass. Civ., Sez. II, Sent. n. 6769/18)

Secondo la Cassazione Civile, Sez. II, Sentenza del 19/03/2018 n. 6769, è eccezione in senso lato quella sulla mancata trascrizione di una clausola del regolamento di Condominio riguardante i limiti alla destinazione delle proprietà esclusive, ed alla conseguente inopponibilità di tali limiti ai terzi acquirenti. Ciò significa che tale eccezione non è subordinata alla tempestivaContinua a leggere “Clausole limitative non trascritte nel regolamento condominiale (Cass. Civ., Sez. II, Sent. n. 6769/18)”